fbpx

Categoria: Escape Room Cagliari

Le Escape Room di Alcatraz sono la nuova frontiera del divertimento nella città di Cagliari. Scenografie curate nei minimi dettagli vi permetteranno di immergervi in ambientazioni uniche e cinematografiche. Adrenalina, suspence, mistero sono solo alcuni degli ingredienti della ricetta del divertimento allo stato puro. 60 minuti per mettervi alla prova. Prenota, non perdere questa occasione

E’ vero che la prigione di Alcatraz è stata riaperta?

E’ nata prima la prigione o l’uccello?

Come ormai noto a tutti, Alcatraz è un’isola dell’Oceano Pacifico orientale appartenente alla municipalità di San Francisco, in California. Ma forse, non tutti sanno che il nome “Alcatraz” lo si deve al cartografo spagnolo che per primo diede un nome all’isola definendola ‘La isla de los Alcatraces’, l’isola dei pellicani, uccelli marini che si trovano in maniera diffusa in tutta l’isola. L’isola è anche soprannominata ‘The Rock’, perché gran parte della sua superficie è costituita da roccia, e ‘The Bastion’, perché durante la Guerra di secessione ha ospitato un forte militare.

In origine non era solo una prigione

Prima che Alcatraz diventasse una prigione federale dal 1933 al 1963, fu utilizzata come forte, faro e prigione militare (1868) In particolare, il faro di Alcatraz è stato il primo sulla costa del Pacifico ed e’ in funzione dal 1854. Il ruolo principale svolto da Alcatraz durante la guerra civile fu quello di deposito d’armi da fuoco e detenzione di prigionieri di guerra confederati. Ebbe inizio così il destino di Alcatraz come struttura di detenzione.

Bene o male, l’importante è che se ne parli

La ‘fama’ di questo famigerato Carcere la si deve alle condizioni di massima sicurezza e la quasi impossibilità di evasione. Per questo venne destinato ad accogliere i prigionieri definiti “problematici”, ovvero coloro che avevano causato problemi in altre prigioni. Una prigione dove accogliere il “peggio del peggio” della criminalità, senza speranza di riabilitazione. Una cosa curiosa è che un tribunale non poteva mandare un criminale direttamente ad Alcatraz, ma potevano giungervi solo per la loro cattiva condotta o per aver tentato di fuggire da altre prigioni. Altro aspetto che caratterizzava Alcatraz erano le rigide misure di detenzione e la mancanza di adeguate cure e prevenzioni sanitarie. Durante i primi anni di vita della prigione, ai detenuti era proibito parlare durante i pasti. Fumare, considerato un privilegio, era permesso solo sul luogo di lavoro. 

Dagli anni ’50 si cercò di migliorare le condizioni del carcere ed ai detenuti venne gradualmente permesso di ottenere più privilegi come ad esempio di suonare degli strumenti musicali, guardare dei film nei weekend, dipingere, utilizzare la radio e parlare a voce bassa durante i pasti.

Poteva finire su Tripadvisor

Gli eccessivi costi di mantenimento del penitenziario, data la sua notevole distanza dalla terra ferma, hanno portato alcune classi politiche ad affermare che sarebbe stato più conveniente rinchiudere i detenuti in un hotel di lusso.

Il pranzo è servito

“Avrete diritto a vitto, alloggio, indumenti e assistenza sanitaria. Tutto il resto consideratelo un privilegio”, citava una delle regole della prigione, ma nonostante ciò, in molti chiedevano di esservi trasferiti da altri penitenziari, semplicemente perché veniva servita una qualità di cibo superiore rispetto agli altri penitenziari.

Se scappi, ti premio!

”Fuga da Alcatraz”, famosa pellicola di Don Siegel con Clint Esatwood, è diventata una gara di triathlon. Si chiama “Escape from Alcatraz Triathlon”. Si svolge ogni anno da ben 39 anni. Lo start è alle 7.00, da un battello dei primi del ‘900 su cui salgono circa 2.000 persone e che viene ancorato di fronte all’iconico penitenziario. Si parte al largo per evitare la forte risacca degli scogli, perennemente in preda a forti correnti. Non senza prima aver firmato una liberatoria in cui si dichiara di essere consci di nuotare in acque frequentate dagli squali dalle temperature proibitive di 12 gradi e spesso avvolte dalla classica nebbia.

L’isola dei famosi

Furono reclusi ad Alcatraz i più famosi criminali statunitensi. Tra tutti spicca Al Capone che giunse ad Alcatraz nel 1934, punito per aver corrotto le guardie per assicurarsi un tenore di vita superiore alla media nei precedenti penitenziari in cui era stato. Gli ufficiali della prigione gli dissero da subito che non avrebbe ricevuto alcun trattamento preferenziale, infatti cercò di guadagnarsi la fiducia del direttore Johnston, ma non vi riuscì. Capone ad ogni modo diede ancor più rilevanza alla sua figura ad Alcatraz, pur trascorrendovi solo quattro anni e mezzo in tutto. L’esatta posizione della cella di Al Capone è sconosciuta visto che parte dei suoi quattro anni e mezzo li passò in una cella di isolamento ospedaliera.

Voi riuscireste a scappare?

La nuova avventura targata Alcatraz Escape Room sarà pronta per l’estate 2020. Stiamo elaborando una scenografia degna di un set cinematografico, sappiamo che siete affamati di nuove avventure e vorremmo che questa nuova room venisse apprezzata come le precedenti. Dovrete vestire i panni dei detenuti di un carcere di massima sicurezza.

Open chat
Ciao,
se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci..